Tu sei qui

Vignaruja

Linea: 
terra
Download: 

Vignaruja

classificazione

Cannonau di Sardegna DOC.

uve

Cannonau 100%

Il Cannonau Vignaruja

Il più famoso dei vitigni rossi sardi esiste nell’isola fin dall’epoca pre-romana.
Dotato di grande capacità di adattamento alle diverse condizioni pedoclimatiche, dona vini dalle differenti caratteristiche, legate soprattutto al terreno. Di vigoria medio-elevata e grappolo serrato di media grandezza, è soggetto alla colatura dei fiori e degli acini. L’acino presenta una buccia sottile di colore nero-violaceo. La bassa resistenza alle crittogame lo rende molto sensibile all’oidio e alla peronospora. La maturazione del frutto avviene nella terza-quarta decade di settembre.

in degustazione

Di colore rosso scuro, luminoso e intenso con riflessi violacei che diventano granata con il tempo. Profumi delicati che vanno dalla viola, alla rosa, ai frutti di bosco maturi, a note di erbe aromatiche. In bocca è morbido in attacco, sapido e complesso, con buona progressione aromatica, sostenuto da tannini ben integrati che accompagnano il vino in un finale persistente.
Grado alcolico: 14% vol.
Temperatura di servizio: 16-18° C.

SI BEVE BENE CON…

È un cannonau apprezzato per l’equilibrio e la struttura elegante. Accompagna piatti semplici con gusti intensi e piatti complessi con molteplici sfumature di sapori. Risotti con funghi di bosco come chiodini o porcini, paste ripiene di formaggi saporiti o ragù di carni. Carni rosse al forno, selvaggina in umido. Formaggi stagionati ovini e vaccini.

I VIGNETI DI VIGNARUJA

Vigneti di media collina nella zona circostante Mogoro. I terreni sono sabbiosi e argillosi, di buona struttura e profondità. Il clima è mediterraneo con inverni miti ed estati calde, mitigate dal vento salino di maestrale. Precipitazioni medie annuali 500mm. La vendemmia avviene tra l’ultima decade di settembre e l’inizio di ottobre. La resa per ettaro è di 60/70q.

VINIFICAZIONE E AFFINAMENTO

La vinificazione avviene con una macerazione fermentativa di circa 15 giorni alla temperatura di 26°C. Si effettua una macerazione post-fermentativa di circa 5 giorni. Rimontaggi e délestage ripetuti assicurano una buona estrazione delle componenti aromatiche e coloranti. Il vino affina successivamente in fusti di rovere per circa 8 mesi. Seguono 6 mesi di evoluzione in acciaio, a temperatura controllata.

IMBOTTIGLIAMENTO ED EVOLUZIONE

Sterile sotto pressione di azoto. L’evoluzione dona complessità al vino che acquista note terrose e di spezie. Fino a 10 anni. È importante conservarlo in condizioni ideali, al buio, in posizione orizzontale alla temperatura di 18-20 C°, senza sbalzi termici.