Tu sei qui

villaggio puisteris

Il Villaggio di Puisteris

Il Villaggio di Puisteris è situato ai margini del tavolato basaltico di Perdiana, a breve distanza dal rio Mogoro, e a poche centinaia di metri dalla strada statale S.S. 131.

Il Villaggio fu scoperto negli anni '50, gli scavi archeologici hanno portato alla luce un insediamento di capanne di forma ellittica, con zoccolo in pietra, su cui poggiavano pali e frasche, coperte con tetti di frasche.

Il primo impianto è stato datato al Neolitico Medio, Cultura di Bonu Ighinu IV millennio a.C., e fu abitato sino agli inizi del III millennio a.C.da uomini della Cultura di Ozieri.

Si pensa che questo fosse un importante centro per la lavorazione dell'ossidiana di Monte Arci, come anche il vicino sito neolitico che sorgeva presso il Nuraghe Sa Omu Beccia di Uras. Durante successivi scavi furono rinvenuti importanti reperti: strumenti ed armi in ossidiana, 277 coltellini, 84 frecce e reperti ceramici riccamente decorati della Cultura di Ozieri.

Una particolarità del sito è una mensa sacrificale e un disco astrale situati nel punto più alto del villaggio, nei pressi dei quali sono state trovate alcune statuette rappresentanti la Dea Madre Mediterranea, a testimonianza del culto della Terra e della Fertilità.